#ScelgoDiAmare: III Ritiro Spirituale Nazionale Officina del Sole a Loppiano!

7 giugno 2017 | 1 Commento

III Ritiro Spirituale Nazionale Officina del Sole 

#ScelgoDiAmare

Dopo una lunga attesa finalmente è arrivato anche il Terzo Ritiro Spirituale Nazionale dell’Officina del Sole, che quest’anno si è tenuto dal 26 al 28 maggio 2017 nella Cittadella del Movimento dei Focolari di Loppiano con un tema molto impegnativo: Scelgo di Amare.
Il giorno della partenza la sveglia, per qualcuno, è suonata molto presto, all’alba, ma ne valeva la pena. Più di 160 partecipanti da ogni parte d’Italia, chi è partito in auto e chi in pullman, ma tutti con lo stesso entusiasmo, la stessa voglia, lo stesso desiderio di rivedersi, stare insieme e condividere questa meravigliosa esperienza!
Il viaggio in pullman per i partecipanti del Nord-Italia è stato un’occasione di incontro, conoscenza e condivisione tra chi l’Officina la vive già da un po’ di tempo e chi, invece, si è appena iscritto. Dopo l’ultima tappa, quando ormai il pullman era pieno, ci siamo raccolti in silenzio per un momento di preghiera e riflessione sul brano del Vangelo (Gv 15, 1-17) incentrato su “rimanere nell’amore di Cristo”.

Arrivati a Loppiano, il primo momento insieme è stato il pranzo al sacco consumato tutti in cerchio in mezzo a un grande prato. Il ritiro era ufficialmente iniziato! È stato un pranzo molto “movimentato” perché man mano che le persone arrivavano si cercavano, si salutavano, si presentavano, si scambiavano baci e abbracci. Ma non importa se per mangiare un panino ci è voluta mezz’ora, queste interruzioni sono state le più belle perché sono quelle che ti hanno fatto sentire come quando si ritorna a casa dopo tanto tempo, perché in fin dei conti siamo parte di una grande famiglia che si stava riunendo: l’Officina del Sole.
Nel pomeriggio ci è stato dato il benvenuto da parte dei Focolarini. Hanno spiegato cos’è il Centro Internazionale di Loppiano, chi sono i Focolarini ma soprattutto chi era Chiara Lubich, attraverso dei filmati e alcune testimonianze di ragazzi e famiglie provenienti da diverse parti del mondo. Successivamente abbiamo condiviso con gli abitanti della Cittadella la Messa e il Rosario insieme. Abbiamo poi cenato tutti insieme all’Università Sophia, per chiudere in bellezza la serata con un momento di festa al Polo Lionello con alcuni ragazzi che vivono lì.

Il secondo giorno è stato quello più lungo e intenso. Al mattino, sempre attraverso delle testimonianze e dei video, abbiamo approfondito la figura di Chiara Lubich caratterizzata dal suo carisma. Sul palco si sono alternati giovani e meno giovani, ma tutti hanno raccontato come li abbia colpiti Chiara e perché ora si trovino a vivere a Loppiano. Lorena, una giovane ragazza, ci ha ricordato l’importanza della speranza e dell’avere sempre un sogno e lo ha fatto attraverso la figura della Beata Chiara Luce Badano, una giovane ragazza che ha vissuto la sua malattia fino in fondo affidandosi completamente a Gesù.

In seguito abbiamo ascoltato le parole di don Alessandro, che attraverso una piccola catechesi, ha spiegato cosa vuol dire vivere una santità quotidiana, vivere l’esperienza del sole: «Il sole ha tanti raggi, ognuno percorrendo il proprio raggio raggiunge il sole, ma in realtà nel percorrere il proprio raggio vive già il proprio sole.» E ha continuato «Ma percorrendo il nostro raggio ci avviciniamo sempre più fra di noi, camminando insieme. Questo sole Chiara Lubich non lo vede più in alto, ma sotto il creato e così tutta la realtà è illuminata dal basso. L’esperienza del sole ci indica che la fatica del camminare nel proprio raggio è comunque una fatica fatta nella luce, e non nelle tenebre dove non si va da nessuna parte.» Ha concluso invitando i presenti a «Vedere Dio in ogni esperienza e camminare con uno sguardo rivolto verso il basso, verso le nostre cantine, quelle che non vorremmo far vedere a nessuno, ma che solo attraverso la Luce possiamo accettare e accogliere. E poi trovare qualcuno con cui camminare, perché più si cammina insieme più si diventa Uno e si crea un’amicizia vera.»
Sono parole molto forti che sono arrivate dritte al cuore di tutti gli Spiriti del Sole presenti, perché anche nell’Officina del Sole si cammina insieme in amicizia verso di Lui.

Nel pomeriggio, divisi in due gruppi, a turno noi Spiriti del Sole abbiamo avuto la possibilità di analizzare due realtà molto importanti a Loppiano: l’Università Sophia e l’Economia di Comunione, entrambe nate da un’ispirazione di Chiara Lubich. La prima è nata ormai 10 anni fa: l’intenzione era quella di fondare un centro di formazione basato sulla sapienza (in greco “sophia”, da cui prende nome appunto l’università) ma che permettesse anche la creazione di salde relazioni umane; si punta proprio su un rapporto comunitario tra gli studenti che hanno culture e lingue diverse, perché le differenze non sono motivo di divisione ma di arricchimento reciproco. La seconda realtà, invece, propone un nuovo modello di economia volto al bene comune creando una rete tra le industrie che aderiscono a questo progetto e che ha sede al Polo Lionello. Quale modo migliore di concludere la giornata se non con della musica? Prima Sandro Crippa, che ha fatto parte dei Gen Rosso per tanti anni che ci ha incantato con la sua bravura al pianoforte e ricordato che “il talento è un dono che va coltivato con passione”. Poi, un po’ a sorpresa, anche i The Sun hanno fatto cantare e ballare tutti sulle note delle loro canzoni.

La Domenica mattina, ormai ultimo giorno di un ritiro molto intenso, abbiamo avuto l’opportunità unica di vivere un bellissimo incontro con le ragazze del Gen Verde. Con un piccolo spettacolo tutto per l’Officina del Sole hanno raccontato un po’ la loro storia: queste ragazze vengono infatti da diverse parti del mondo e fanno emozionare e stupire con le loro bellissime testimonianze di vita e canzoni. Hanno ricordato poi che «Con la musica si può arrivare dritti al cuore e annunciare il Vangelo.» Ma soprattutto che «Perdersi ognuna nell’identità dell’altra non vuol dire perdere la propria! Non bisogna fermarsi alle diversità, ai pregiudizi, ma cogliere l’opportunità di scambio, di fraternità, di incontro
Dopo aver condiviso la Messa ancora una volta con gli abitanti di Loppiano, abbiamo scattato una bella foto di gruppo davanti alla chiesa che ha immortalato i volti e i sorrisi che hanno reso speciale questo ritiro. Terminato il pranzo è giunto il momento dei saluti e degli abbracci per poi tornare tutti a casa. Ma il viaggio in pullman, per qualcuno un po’ lungo, è stato ancora un momento di condivisione a Cuore Aperto di quello che ha significato per ciascuno questo ritiro.

Ancora una volta l’Officina del Sole ha vissuto tre giorni di Grazia e tutti noi siamo tornati alle nostre vite quotidiane pieni di quell’energia positiva che si prova in occasioni come questa. Abbiamo sperimentato che amare è possibile e ora tocca ad ognuno, ogni giorno, nella propria vita SCEGLIERE DI AMARE!

 

Redazione.Fun

Photo Credits: Eleonora Gentili, Emmy, Martina Russo, Luisa Pierantoni, Cristina Simoncini, Giulia Rizzato, Lucia Comanducci

1 commento

  • Mauro says:

    Carissimi tutti dell’Officina del Sole e ovviamente Francesco, Matteo, Riccardo, Gianluca, grazie a voi per i giorni trascorsi insieme a Loppiano.
    Qui si parla di voi come di una Banda di sorelle e fratelli sempre presenti e vivi nei nostri cuori.
    Sentiteci lì con voi a “scegliere ogni attimo di amare”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *